ETF, ovvero gli Exchange Traded Funds poco conosciuti ma dalla buona rendita

Fondi e investimenti Nessun Commento »

Esistono dei fondi come gli Exchange Traded Funds che le banche e gli istituti di credito non consigliano spesso perché per loro sono poco remunerativi, al contrario del cliente che invece avrebbe un discreto guadagno.


Gli intermediari per le contrattazioni di questo tipo di fondi possono essere le banche o qualsiasi altro broker autorizzato.

Questo prodotto finanziario ha avuto vita negli Stati Uniti a metà degli anni ’90, ma in Italia le sue prime quotazioni risalgono al 2002.
Fare trading con gli Echange Traded Funds vuol dire avere una gestione passiva di investimento, infatti  le transazioni di questi prodotti sono legate ad un indice di mercato del quale si sceglie di seguire l’andamento per stabilire in quale momento vendere o comprare ETF. In questo modo si riducono al minimo i costi di transazione e le detrazioni fiscali applicate al capitale: l’indice di riferimento, che in gergo tecnico si definisce benchmark, regolerà il bilanciamento … Continua a leggere >>

Termini legati all'articolo: cosa investire, dove investire, etf, Exchange Traded Funds, investimento etf

Risparmio gestito: la soluzione migliore per investire in tempi di crisi

Fondi e investimenti Nessun Commento »

L’arrivo e la permanenza della crisi ha cambiato radicalmente il sistema di investire i propri risparmi, e gli investitori preferiscono investire su qualcosa a breve termine piuttosto che a tempi medio o lunghi. In questo panorama, sembra che il risparmio gestito possa essere un valido strumento di investimento.


Garante dei prezzi contro il prezzo di petrolio, benzina, diesel, gasolio. Nonostante, in passato, i grandi gruppi bancari avessero sempre puntato pochissimo sui fondi di risparmio gestito, oggi sembra esserci un’inversione di tendenza.

Secondo Gabriele Piccinni, responsabile divisione retail Italy di Unicredit, prima del crack della Lehman Brothers i tassi di interesse erano elevatissimi e le obbligazioni molto richieste, con emittenti che pagavano molto la liquidità e offrivano cedole alte. Successivamente, gli interventi dei governi hanno fato abbassare i tassi di interesse, di conseguenza è difficile, attualmente, trovare delle obbligazioni che diano risultati interessanti, almeno nei brevi periodi. Si potrebbe ovviare allungando la durata, ma ora il lungo termine non dà affidamento agli investitori.

Considerato questo panorama finanziario, secondo Piccinni, i fondi costituirebbero l’unico strumento in grado di creare … Continua a leggere >>

Termini legati all'articolo: investimenti bancari, investimenti online, investire e guadagnare, risparmio gestito

Fondi comuni di investimento: a volte ritornano!

Fondi e investimenti Nessun Commento »

Dopo 2 anni di assenza torna la possibilità di investire sui fondi comuni di investimento. Come mai?


Unico debito sovrano per tutta l'Europa Il contributo delle banche si è rivelato importantissimo nella raccolta dei fondi comuni, che si registrano in positivo da 3 mesi. Esse, infatti, hanno ricominciato a puntare sul risparmio gestito, una mossa ragionevole se si considera che in cima agli sportelli si ha il 90% della distribuzione.

Ma il motivo per il quale le banche son tornate a reinvestire nei fondi comuni, dopo averli ignorati per 2 anni, sta nel fatto che essi costituiscono gli unici strumenti atti a garantire punti di rendimento in più rispetto ai Bot. Inoltre considerati i livelli dei tassi, gli istituti di credito, ora, registrano maggiore liquidità ed hanno di conseguenza meno necessità di ricorrere a metodi di raccolta diretta (tanto più … Continua a leggere >>

Termini legati all'articolo: banche e fondi comuni, fondi comuni di investimento, investire nei fondi comuni, ritornano i fondi comuni

Indici di investimento

Fondi e investimenti Nessun Commento »

Per definizione ogni investimento implica una certa percentuale di rischio. Valutare con attenzione un investimento è quindi un’attività indispensabile per minimizzare il pericolo di incorrere in investimenti sbagliati. Questo è possibile tramite la valutazione di alcuni indici – detti appunto “indici di investimento” – che identificano qualsiasi investimento. Innanzitutto va considerato il costo dell’investimento, ovvero […]


indici investimento - indici borsa Per definizione ogni investimento implica una certa percentuale di rischio.
Valutare con attenzione un investimento è quindi un’attività indispensabile per minimizzare il pericolo di incorrere in investimenti sbagliati. Questo è possibile tramite la valutazione di alcuni indici – detti appunto “indici di investimento” – che identificano qualsiasi investimento.

Innanzitutto va considerato il costo dell’investimento, ovvero i flussi finanziari in entrata o in uscita ad esso associati. Questi sono concretamente descritti come “flussi di cassa”: l’insieme delle entrate e delle uscite monetarie a cui fa riferimento lo stesso investimento.

Un altro fattore importante da considerare in riferimento ad un investimento è il tempo. Spesso ad un allungamento degli intervalli temporali di bilanciamento dell’investimento corrisponde una riduzione dei benefici … Continua a leggere >>

Termini legati all'articolo: indici investimento, investimenti, rischi investimento, tassi di interesse, valutare investimenti

I migliori investimenti per i giovani

Fondi e investimenti 2 Commenti »

I giovani sono il futuro, ma un futuro c’è per i giovani?
Un articolo che descrive dei particolari tipi di investimenti che alcune banche hanno realizzato pensando ai giovani.


investimenti - fondi - risparmio giovaniI giovani – considerando la fascia tra i 18 e i 30-35 anni –  rappresentano uno dei target principali per gli istituti di credito. Si trovano infatti in un momento critico in cui si pianifica la propria vita, ci si pone degli obiettivi e si fanno progetti: gli studi universitari, l’ingresso nel mondo del lavoro, i primi risparmi, magari andare a vivere da soli e quindi l’affitto o il mutuo.

I principali istituti di credito offrono quindi soluzioni mirate e semplici per venire incontro alle esigenze di questa fascia della popolazione che può scegliere tra numerose offerte.

I servizi dedicati ai giovani prevedono generalmente programmi di investimento flessibili e semplici per garantire liquidità, un fondo risparmio per il futuro, … Continua a leggere >>

Termini legati all'articolo: agevolazioni giovani, bnl, bnp, finanziamenti giovani, investimenti giovani, mutuo giovani coppie, paribas, sanpaolo, unicredit

Investire su fondi esteri

Fondi e investimenti Nessun Commento »

La globalizzazione dell’economia mondiale ha fatto evolvere la visione delle imprese che sembrano orientarsi sempre di più verso la scena internazionale. Allargare gli orizzonti sul mercato globale, cogliere le opportunità di scambi commerciali nel contesto mondiale, investire all’estero per crescere in Italia: questi sono i passi fondamentali da seguire per avere un portafoglio diversificato e […]


La globalizzazione dell’economia mondiale ha fatto evolvere la visione delle imprese che sembrano orientarsi sempre di più verso la scena internazionale.

fondi esteri Allargare gli orizzonti sul mercato globale, cogliere le opportunità di scambi commerciali nel contesto mondiale, investire all’estero per crescere in Italia: questi sono i passi fondamentali da seguire per avere un portafoglio diversificato e bilanciato nonché ridurre il rischio.

Ma come fare per orientarsi nella giungla degli investimenti esteri?

Per gli investitori alle prime armi, la migliore soluzione sono i fondi comuni d’investimento in quanto permettono di affidare il risparmio a gestori professionisti affinché questi lo investano in azioni o obbligazioni, per farlo fruttare al meglio. In questo caso le possibilità sono due e cioè i fondi chiusiContinua a leggere >>

Termini legati all'articolo: capitale minimo, conto titoli, deposito titoli, fondi investimento, investimenti estero, spese bancarie, trading online

Come acquistare titoli di Stato

Fondi e investimenti Nessun Commento »

I titoli di stato sono acquistabili all’asta oppure sul mercato secondario, sede in cui avvengono giornalmente le azioni di scambio. Entrambe le soluzioni sono percorribili mediante l’intervento diretto di un istituto bancario o di un mediatore finanziario di competenza. La modalità di sottoscrizione in asta è contraddistinta dalla peculiarità di non richiedere spese di commissione […]


acquistare titoli I titoli di stato sono acquistabili all’asta oppure sul mercato secondario, sede in cui avvengono giornalmente le azioni di scambio. Entrambe le soluzioni sono percorribili mediante l’intervento diretto di un istituto bancario o di un mediatore finanziario di competenza.

La modalità di sottoscrizione in asta è contraddistinta dalla peculiarità di non richiedere spese di commissione per i titoli di Stato fatta eccezione per i BOT. Per quest’ultimi il tetto massimo delle commissioni è predefinito attraverso un decreto legislativo.
In questo caso l’investitore prenota anticipatamente all’inizio dell’asta (minimo 24 ore prima); il numero di obbligazioni richieste partendo da una base minima prefissata equivalente a 1.000 euro.

Le varie date d’asta, le graduatorie dei risultati e le comunicazioni ufficiali riguardanti i titoli … Continua a leggere >>

Termini legati all'articolo:

© Investimentionline.net 2008/2009. Tutti i loghi ed i marchi presenti sul blog appartengono ai rispettivi proprietari.
Entries RSS Comments RSS Accedi