Covered Warrant

Investire in borsa Aggiungi commento

I covered warrant sono degli strumenti finanziari che permettono di vendere o acquistare un’attività finanziaria ad un prezzo prestabilito contro il pagamento di un premio.

Per attività finanziaria sottostante si intendono le azioni italiane o estere, quotate in Borsa in Italia o in un altro stato, i titoli di stato negoziati sui mercati regolamentati ad elevata liquidità, i tassi di interesse ufficiali o generalmente utilizzati sul mercato dei capitali, le valute, gli indici o panieri di indici e caratterizzati da trasparenza nei metodi di calcolo e diffusione. Quando si vende una tra le suddette attività finanziarie si parla di “Put Covered Warrant”, mentre quando si acquista si parla di “Call Covered Warrant”.

investimenti covered warrant Il prezzo prestabilito a cui si vende o si acquista un’attività è chiamato, in gergo finanziario, strike price, ed è stabilito dall’emittente del contratto e rappresenta il prezzo al quale si può acquistare o vendere un’attività entro una precisa scadenza e secondo specifiche modalità.


Entro la data di scadenza prestabilita, l’investitore, grazie al covered warrant, incassa un controvalore pari alla differenza, se positiva, tra il prezzo di mercato dell’attività sottostante e lo strike price. Se la differenza è negativa, l’investitore può vendere il covered warrant in Borsa come un normale titolo azionario e così monetizzarne il valore.

La prima emissione di un covered warrant è stata effettuata dalla Citibank nel 1992 sul cambio Dollaro/Lira ed era indirizzata agli investitori istituzionali. Solo a partire dal 1998 i covered warrant sono stati ammessi alla quotazione della Borsa Italiana dei cambi. Da allora hanno registrato un trend sempre in crescita tanto che il mercato italiano dei covered warrant si classifica al terzo posto a livello europeo.

Attualmente sul mercato italiano sono presenti 19 emittenti che quotano più di 6.000 strumenti e gli scambi superano quota 31 miliardi di euro.

Il prezzo dei covered warrant è determinato da alcune variabili principali: il prezzo attuale dell’attività finanziaria che si deve vender o acquistare, la volatilità, lo strike price iniziale, la vita residua dell’attività finanziaria in vendita, i dividendi attesi e il tesso di interesse.

Fai conoscere questo articolo:


    Lascia un commento

    © Investimentionline.net 2008/2009. Tutti i loghi ed i marchi presenti sul blog appartengono ai rispettivi proprietari.
    Entries RSS Comments RSS