I vari tipi di opzioni finanziarie

Opzioni binarie Aggiungi commento

Possono esistere numerosi tipi di opzioni binarie, è utile enunciarne almeno i principali:

  • Isoalfa, Individual Stock Option è un opzione attuabile su titoli di tipo americano (esercitabile in qualsiasi momento tra la sottoscrizione e la scadenza del contratto). Secondo questa tipologia d’opzione la consegna fisica dei titoli deve avvenire entro e non oltre i cinque giorni dalla scadenza. Queste opzioni sono gestite dall’IDEM, Italian Derivates Market, mercato specializzato nel negoziare contratti che per loro natura dipendono dal valore dalle attività e dagli strumenti sottostanti. Generalmente queste opzioni hanno scadenza mensile o trimestrale e vengono risolti nelle sedute di marzo, giugno, settembre e dicembre, ogni volta con le prime tre scadenze. Ogni call e put, vendita o acquisto, l’esercizio dell’opzione si negozia con nove prezzi possibili, di cui uno at the money (indifferente rispetto al prezzo di partenza) o vicino e almeno quattro per parte. Per convenzione le scadenze sono fissate il terzo venerdì del mese;
  • Opzioni FTSEMIB, possono essere call o put e consistono nella facoltà attribuita all’acquirente di incassare a scadenza un somma data dal prodotto fra un valore convenzionale attribuito ad ogni punto di indice (attualmente 2, 5 euro) e la differenza tra il valore dell’indice stabilito al momento della stipulazione (prezzo di esercizio) ed il prezzo che l’opzione ha alla propria scadenza. Anche queste opzioni sono gestite nel mercato IDEM e seguono le medesime scadenze. Ovviamente tali opzioni sono applicabili al contratto dietro pagamento di un costo proporzionale ai possibili guadagni;
  • Cap, Floor e Collar, sono tipici dei mercati OTC (over the counter, ossia esterni ai mercati borsistici ufficiali). Il caso dell’opzione floor attribuisce all’acquirente il diritto di ricevere, dietro pagamento di un premio (unico o rateale), una somma di denaro attribuitagli dal venditore. Quest’ultima è calcolata con la differenza del prodotto fra un capitale nozionale ad un tasso prefissato e un tasso variabile di mercato (LIBOR e altri). Il venditore Floor è tenuto a pagare il differenziale quando il floor rate è maggiore del tasso di mercato. Lo scopo dell’opzione floor è proteggere l’operatore finanziario dal rischio di ribasso dei tassi.

Con cap si intende un’opzione finanziaria apparentemente molto simile al floor, anche in questo caso corrisposta dietro pagamento da parte dell’acquirente di un importo (fisso o rateale). Il contratto sancisce il diritto di ricevere dal venditore, a fine di ogni periodo di riferimento, un importo pari alla differenza del prodotto fra un tasso variabile di mercato (LIBOR e altri) ad un capitale nozionale e quello ad un tasso prefissato. In buona sostanza con il cap il venditore paga il differenziale nel caso che il cap rate sia minore del tasso di mercato. Il collar risulta dall’unione di cap e floor e protegge dagli imprevisti l’acquirente. Con il collar si attuano allo stesso tempo l’acquisto di un interest rate cap e la vendita di un interest rate floor.

Esistono numerosi broker per sperimentare con un investimento minimo le opzioni binarie appena descritte, a questo link potete trovare un’esaustiva tabella di confronto sui broker più importanti di opzioni binarie.

I mercati finanziari aumentano giorno dopo giorno la propria complessità e per rispondere alle nuove esigenze sono state ideate opzioni alternative a quelle europee ed americane. Rientrano in questa tipologia le asiatiche che si differenziano per alcune clausole aggiuntive relative alle variazioni di quotazione di un titolo ed ai suoi limiti di validità.

Questo mercato è però difficile da inquadrare, schematizzare e spiegare in maniera esaustiva.  Nel prossimo articolo cercheremo di riportare i principali tipi di opzioni asiatiche, applicabili alle esigenze del mercato.

Fai conoscere questo articolo:


    Lascia un commento

    © Investimentionline.net 2008/2009. Tutti i loghi ed i marchi presenti sul blog appartengono ai rispettivi proprietari.
    Entries RSS Comments RSS