Indici di borsa

Borse nel mondo Aggiungi commento
indici borsa valori Un indice di borsa costituisce il valore di un insieme di titoli azionari e la variazione di un indice di borsa rappresenta un approssimazione nel tempo degli scostamenti dei rendimenti degli strumenti finanziari di un portafoglio.

Si classificano tre metodologie di calcolo degli indici:

  • equally weighted, in cui tutti i titoli dell’indice hanno lo stesso peso;
  • price weighted, per cui l’indice risulterà dalla somma dei prezzi dei titoli che lo compongono;
  • value weighted, per cui il peso di ogni titolo è proporzionale alla capitalizzazione di borsa.

L’ultima metodologia di calcolo è quella più utilizzata. Ne sono esempi gli americani S&P 500 e gli indici Nyse Composite, l’italiano S&P Mib, il FTSE 100 (UK), il CAC 40 (Francia), il DAX 30 (Germania) ed il Topix (Giappone).

Tra i pochi indici price weighted superstiti, i due più famosi sono il Dow Jones (USA), l’indice di borsa più antico della storia e il Nikkei 225 (Giappone).
La maggioranza dei titoli viene determinata sulla base del prezzo di mercato, ma ciò permette di prendere in considerazione solo la remunerazione in conto capitale e non quella per intero e più apprezzabile che le società riservano ai loro investitori.
Il dividendo che viene staccato da un titolo non viene considerato, pertanto il prezzo nominale di quest’ultimo sarà diminuito di una somma pari al dividendo pagato. Di conseguenza, un indice calcolato in base ai prezzi di mercato subirà un calo contestuale ad ogni pagamento di dividendo.
La soluzione a questa difficoltà la si è trovata nei cosiddetti indici total return che tengono conto dello stacco e del reinvestimento dei dividendi e dei flussi di cassa dei titoli.

Fai conoscere questo articolo:


    Lascia un commento

    © Investimentionline.net 2008/2009. Tutti i loghi ed i marchi presenti sul blog appartengono ai rispettivi proprietari.
    Entries RSS Comments RSS